Tag

, , , , , ,

Sursum Corda.

Sommando PD-SEL-IDV-Socialisti (n.e.), il centrosinistra quota 40%.

Con il premio di maggioranza presunto( segreto, opaco,non divulgato o altro), il centro sinistra otterebbe una forte maggioranza parlamentare. Certamente DiPietro ha messo parecchia farina dal suo sacco per dare una mano a chi nel PD, vuole a tutti i costi l’alleanza postelettorale con l’UDC. Ritornando così agli antichi fasti  della prima repubblica.

Forse sarebbe il caso di verificare la possibilità di ripristinare a livello nazionale i rapporti con IDV, visto che sul territorio sono numerosissime le amministrazioni dove si governa insieme.

Il dato PD, segna in realtà un calo rispetto a diversi sondaggi divulgati in agosto-settembre. Può essere dovuto alla diversità di voci provenienti dal gruppo dirigente. Le ultime certezze di Massimo Claudio sulla ineluttabilità dell’alleanza postelettorale con l’UDC, non aiutano neanche il segretario Pier Luigi Giulio che a Reggio Emilia ha pur fatto un discorso coraggioso. Ma, a Reggio la platea l’ho vista assai scarna rispetto ad altre chiusure nazionali.

E’ un brutto segnale. Significa che anche le federazioni non sono riuscite ad organizzare viaggi per  militanti e tesserati.

Penso che ci sia un grande vuoto nel PD. Colmato solo in parte dalla battaglia interna tra chi vuole gradatamente rinnovare (Bersani) e chi vuole la supremazia dei Claudi sui Giuli.

L’altra battaglia, quella che si svolgerà sul territorio, tra cittadini, dis/occupati, imprese piccole e grandi, elettorato di centro sinistra e area astensionista, comincerà giovedì con l’inizio della campagna di Renzi. Vedremo cosa propone materialmente Matteo per tirare l’Italia fuori dalle secche. Se così sarà, assisteremo ad una gara monocorde. Mi sembra desolante. Esiste un altro protagonista propositivo per l’oggi e per domani. Aspettiamo che si decida a riempire una parte del vuoto.

Nell’attesa, i Claudi potrebbero guadagnare molto terreno.

Annunci