Tag

,

Nell’ultima assemblea PD durante la quale Bersani ha annunciato lo svolgimento delle primarie, e contestualmente comunicato la propria candidatura; si è  rimandato alla metà di luglio la determinazione delle regole della competizione. Da allora si sono conseguiti alcuni fatti (casualmente) desolanti, e (casualmente) disgiunti:

a- l’Espresso ha svelato un piano segreto ( perciò  non lo è più), tra un tale B. di Arcore (brianzolo) e Matteo Renzi per sbaragliare l’annunciata avanzata dei nuovi comunisti. (qualcuno li chiama i veri moderati)
b-Il vice presidente del PD ha dichiarato che il candidato alle primarie è solo Bersani.
c-Il presidente della regione Toscana Rossi ha sparato a palle incatenate su Renzi , iniziando un processo alle intenzioni .(del piano segreto con B.)
d-alcuni amministratori del PD, in diverse interviste concentrano la loro visione del futuro dell’Italia sulla inidoneità di Renzi come candidato alle primarie.
e-Su FB Gad Lerner ha dato il La ai cannoni (sempre alla nave dalla quale si affaccia Renzi)
f- su diversi blog, molti dei commenti sono di critica, moderata e feroce verso Renzi.

g-qualcuno ha svelato  piani segreti e qualcun ‘altro ha abbozzato proposte e piani ben più realisitici.

 

Tutto ciò premesso, porto all’attenzione del lettore che non uno dei commenti, delle cannonate, dei dossier e delle interviste sono basate su una critica alle cose dette e non dette da Renzi.
Ora Renzi ha detto che lui non si candida da solo. Si candida ” noi “.

Dalla prima Leopolda , quando Renzi non era da solo, si sono delineate diverse strade.
Quelle strade devono ricongiungersi, perchè le condizioni si sono ricomposte. La nave sulla quale si cannoneggia non è la nave di Renzi, è la nave che viaggia verso il futuro, su nuove rotte. Renzi invita ad imbarcarsi di nuovo, verso il primo scalo. Per questo è necessario ricomporre l’equipaggio; sulla plancia di comando ognuno deve fare e basta; non ci sono capi, non importa sembrare più bravi; occorre fare e basta per arrivare insieme al porto di destinazione.

Gli ultimi avvenimenti in seguito alle difficoltà del governo, al forte vento che soffia dal centro Europa, sono terreno fertile per rendere inutile il viaggio ed andare alle elezioni anticipate; queste  rappresenterebbero una situazione d’emergenza  in nome della quale assisteremmo al classico ” serrate le fila ” . Se non ci saranno le elezioni anticipate, assisteremo al processo di alleanza con i moderati progressisti. Non i moderati del compagno Civati ;  ma i moderati del compagno Casini. Il quale al momento stesso della  sua proposta a Bersani non ha trovato meglio di  dire che Renzi è più a destra dello stesso Casini. Ma sarà proprio un caso? Oppure Casini comincia a fare da sponda a qualcuno? Si comincia già a insinuare nella testa dello zoccolo duro del PD che se vogliamo vincere alle prossime elezioni politiche dobbiamo allearci con i moderati progressisti; e però, purtroppo,  al compagno Casini non piacciono le primarie.(che sfiga)

Ma ci vediamo davvero con Bersani e Casini; Fini e Montezemolo; Buttiglione e qualcuno del PDL ravveduto, corretto e pentito?

La proposta: se volete davvero imbarcarVi, non aspettate la prossima assemblea PD. Non lasciate il pallino in mano agli altri. Se non abbiamo timore  di contarci , lanciamo la campagna di 100.000 twitter a @pbersani per le primarie, prima dell’assemblea.

Annunci