Tag

Da un paio di articolo dell’ linkiesta e di serracchiani  sulla democrazia da web, una mia riflessione :

Credo che si concretizzi piano piano il pericolo di sopravalutare la “demoweb”
Intanto Vi invito a leggere bene i commenti ad articoli (post) anche intelligenti e circostanziati.
La maggior parte dei commenti sono di difficile interpretazione.
Personalmente la vedo così:
il web è la nuova agorà.Su questo non c’è dubbio; il problema è che in questa piazza,parliamo tutti insieme.Non vi è quasi dialogo; spesso è interlocutorio tra un commentatore e l’altro.
Molti sono ancora coloro che urlano (piano) la loro protesta e/o indignazione.
Dalla piazza rare sono le proposte concrete sul tema posto.Ed è per questo motivo che Grillo riesce ad incanalare la protesta in voto. Ma non solo:Grillo viene ricordato come colui che ha denudato il re sin dalla fine degli anni ’80; successivamente ha attacato senza timore le pubblicità ingannevoli.
Non è mai stato smentito. La sua protesta è sempre stata fondata sulla realtà successivamente svelata al pubblico.In sostanza Grillo ha sempre detto la verità. Questo è il suo atout: è una persona credibile.
Lo è anche nella sua protesta attuale, pur ammantata di un populismo a volte volgare, protesta che tuttavia viene recepita da molti cittadini perchè questi la sentivano già. Grillo ha dato loro lavoce, le parole e il tono. Come un bravo scrittore che traduce in parole emozioni già sentite,ma mai espresse dai lettori.
Però, c’è un però. E’ encomiabile il coraggio dei Pizzarotti che assurgono alla carica di sindaco di città importanti non sapendo nulla di amministrazione.Ma alle politiche questo è una strategia suicida per il paese. Ed è qui che si misurerà la valenza della moderna agorà. L’elezione di persone capaci di governare il paese o di proporsi come futura alternativa (opposizione)senza avere un’organizzazione politica matura.( naturalmente rinnovata nelle idee e nelle persone). Insomma fin’ora è la protesta che raccoglie consensi. Ma poi ?

Annunci